CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE

maxillo facciale Lecce

La chirurgia maxillo facciale si occupa delle patologie del distretto testa-collo legate a traumi, malformazioni congenite o acquisite, patologie oncologiche.

In collaborazione con il dentista, il chirurgo maxillo-facciale si occupa della riabilitazione implanto-protesica con eventuale terapia pre protesica nei casi in cui sia necessario un incremento osseo per l’inserimento dell’impianto.

DISFORMISMI MAXILLO MANDIBOLARI

Inquadramento diagnostico delle problematiche dento-scheletriche del viso con l’ausilio di teleradiografie LL e PA, OPT, TAC.

CHIRURGIA ORALE

La chirurgia orale prevede un approccio ambulatoriale con anestesia locale volto alla gestione delle patologie del cavo orale dei tessuti duri e molli, trattamento di denti inclusi (denti del giudizio, canini inclusi), cisti ossee, chirurgia parodontale.

Patologie articolazione temporo-mandibolare

La dinamica dell’occlusione e la sua relazione con la funzione del sistema masticatorio è un argomento piuttosto complesso.

L’obiettivo è inquadrare la disfunzione temporo-mandibolare cercando di contenere le cause che l’hanno scatenata, risolvere il sintomo principale del dolore, arrestare l’evoluzione della patologia e il danneggiamento dei denti sottoposti ad un mal funzionamento.

Patologie oncologiche testa-collo

I tumori del cavo orale non sono rari: rappresentano il 6-10 per cento di tutte le neoplasie e sono la terza causa più frequente di morte per tumore. In Italia in media si registrano 10 nuovi casi all’anno per centomila abitanti e l’incidenza negli uomini è maggiore del 50 per cento rispetto alle donne. Fino a una decina di anni fa la fascia più colpita era compresa fra i 50 e i 60 anni, attualmente si registra un incremento nei giovani.Se un tumore della bocca viene diagnosticato al suo stadio iniziale, il paziente può avere fino al 90 per cento di possibilità di essere in vita dopo cinque; se, invece, viene scoperto quando è in fase avanzata le probabilità di sopravvivenza, sempre a cinque anni, sono del 5-20 per cento.

L’identificazione di un tumore della bocca non è difficile, proprio perché il cavo orale è facilmente accessibile, basta non sottovalutare certi segnali. Il tumore può presentarsi con un’ulcera, un nodulo o un’escrescenza. Di fronte a una di queste lesioni, se non guarisce nel giro di una quindicina di giorni, bisogna insospettirsi. E rivolgersi all’odontoiatra.

Il tumore del cavo orale è in oltre il 90 per cento dei casi un carcinoma squamo-cellulare e le zone più colpite sono lingua, pavimento della bocca e zona retromolare. Se la diagnosi tempestiva è importante, non lo è meno la prevenzione, che consiste nell’evitare i fattori di rischio più comuni.
Al primo posto si colloca il tabagismo. I fumatori hanno un rischio di sviluppare questo tumore cinque volte maggiore rispetto a chi non fuma. Poi c’è l’alcol, e soprattutto i superalcolici. Entrambi questi due fattori, se associati, si potenziano a vicenda. Un’altra causa, meno frequente, è rappresentata da protesi o corone dentarie che, quando sono mal fatte, possono provocare infiammazione cronica che a sua volta rappresenta un fattore di rischio. Oggi si ritiene che possano avere un ruolo anche le infezioni da papillomavirus (già riconosciuto come responsabile di tumore della testa e del collo). Anche una dieta povera di frutta e verdura può avere un’influenza negativa.

SEDI:

Dottoressa Livia Toma riceve su appuntamento:
Prenota la visita o la consulenza presso una delle sedi:
STUDIO PRIVATO: VIA MILANO 17 CASARANO (LE) +39 349 421 4784
COM. ODONTOIATRIA MULTISPECIALISTICA: VIA LEONARDO DA VINCI 8 MAGLIE (LE) +39 393 81 08 640
7EVEN CLINIC: VIA GRAMSCI 88/A REGGIO EMILIA +39 349 680 3964
POLIAMBULATORIO SIDOLI: VIA SIDOLI 4 PARMA  0521 48 26 06
studio-medicina-estetica-livia-toma
Call Now Button